di Gabriele Boldreghini " Le fiabe non insegnano ai bambini che i draghi esistono, loro lo sanno già che esistono. In secondo luogo il suo fluire è solitamente irregolare, non assimilabile al tempo scandito dall'orologio; a volte sono presenti dei flashback, dove si parla di cose o persone "perdute", o, comunque, avvenimenti spiacevoli avvenuti nel passato. La fiaba evoca situazioni che aiutano il bambino ad elaborare le difficoltà che deve affrontare nel corso della sua esistenza. Una volta che i bambini delle famiglie benestanti erano cresciuti, però, arrivavano i dolori. Jung sostiene che ogni essere umano desidera sviluppare le sue innate potenzialità e che a questo scopo l'inconscio e la coscienza devono cooperare[3]. Dopo le prove, i ragazzi e le ragazze, come in una rappresentazione teatrale guidata spesso da uno stregone, dovevano "morire" per celebrare la morte dell'infanzia. Ci furono così scrittori che incominciarono a rielaborare le fiabe e a trascriverle usando un linguaggio più raffinato, aggiungendo nuovi episodi e, spesso, inventandone di nuove. La pubblicazione di Kinder- und Hausmärchen stimola, in Germania e in altri paesi, un'intensa attività di raccolta e di pubblicazioni. Questo metodo cerca di stabilire, sulla base del maggior numero di varianti letterarie e orali di una fiaba, il territorio di diffusione e di ricostruirne la forma originale. Lo studio dei racconti popolari inizia poco dopo il 1900 e si rivolge quasi esclusivamente alla fiaba e alla saga, mentre l'interesse per altri generi narrativi nasce solamente negli ultimi decenni. Storie ambientate nel Medioevo. Per esempio uno di questi archetipi è Yama, il "trasportatore d'anime" nelle culture orientali. Indice: 7 Introduzione IL CREPUSCOLO DEGLI DEI E DEGLI EROI 17 L'ultimo dei Fianna 25 Marjatta e la scomparsa di Vainamoinen 32 La profezia della maga FRA IL REALE E IL FANTASTICO 39 La leggenda di Pilato 43 Prete Gianni 52 Virgilio nel Medioevo LO SCORRERE MERAVIGLIOSO DEL TEMPO 59 Il re Herla e la Mesnie Herlethingi 62 La leggenda del princip Il racconto degli anziani venne tramandato per secoli e secoli, con trasformazioni continue, anche quando il ricordo del rito si era perso del tutto e nacque così la fiaba. Sono frequenti e quasi obbligatorie le ripetizioni («Cammina, cammina...», «Cerca, cerca...», «Tanto, tanto tempo fa...», «C'era una volta...») e le triplicazioni, perché raccontare tre volte lo stesso fatto aveva lo scopo di allungare la storia, di renderla più chiara e di prolungare la sensazione di mistero. Durante il Medioevo, accanto alla ricca letteratura degli exempla, vengono messe per iscritto fiabe che venivano raccontate oralmente. L'eroe raggiunge il suo scopo e la situazione complicata si sistema. Un'altra importante direzione nello studio della fiaba nasce dalla psicologia di Carl Gustav Jung e della sua scuola. Nasce infatti la convinzione che tutti gli uomini, a qualsiasi razza o cultura appartengano, possiedono fondamentalmente la stessa struttura psicologica e se esistono differenze, queste sono di carattere culturale. stimolando in tal modo la fantasia e la creatività del bambino ed aiutandolo a creare attorno a sé un mondo che sarà di aiuto per la sua infanzia; l'importante è che egli, col passare degli anni, impari a fare buon uso della fantasia, senza confonderla con la realtà. Sono state ereditate, si pensi, attraverso generazioni e generazioni con l'ascolto. Le formule d'inizio e le formule di chiusura sono quasi sempre le stesse («C'era una volta...», «In un paese lontano...», «... così vissero felici e contenti»), numerose le formule magiche e le filastrocche. Sorsero così le case- torri, cioè i castelli dove vivevano i ricchi. In questa città i fratelli Grimm hanno studiato legge e iniziato le loro ricerche sulla letteratura popolare. Inoltre, spesso le fiabe vengono ambientate nel medioevo (ma non solo), epoca storica nella quale predominava la monarchia, mettendo in risalto la romanticità di essere un personaggio di stirpe reale (principe o principessa) e trascurando, invece, l'aspetto della condizione economica del popolo. Si pensa che esista una relazione tra la fiaba e i riti di iniziazione cioè quei riti, quelle cerimonie attraverso le quali i giovani affrontando e superando delle prove dimostravano il loro valore prima di iniziare la vita da adulti, ed è collegabile con la fiaba perché basta pensare alle prove che devono superare i personaggi delle fiabe prima di raggiungere il lieto fine. L'antagonista, che è il personaggio cattivo che ostacola l'antagonista. Non che si sia persa la Benché la sua presenza sia innata, secoli di cultura e civiltà l'hanno soffocata cercando di rintuzzarne gli slanci più pericolosi, incanalandola in uno stereotipo rigido di sottomissione. mani una fiaba originale al fine di imparare a scrivere con fantasia e con equilibrio delle parti. Le nuove fiabe, provenienti dall'Ol­ ... Alirrumta.zioll.e e cultll.ra nel medioevo, Roma-Bari 1988, p. 209. Pagina della categoria. Le fiabe tutto sommato erano un piacevole intrattenimento per chiunque, e "davanti al fuoco" erano gradite sia agli adulti che ai bambini di entrambi i sessi. Gli alunni leggono fiabe, studiano la struttura di questo genere narrativo, compongono a pi?? Nei secoli successivi il significato di runcare viene ancor piu stravolto: <> (p. 131). Nel Medioevo il genere della favola ebbe molta fortuna. Ma anche questa teoria gradualmente dovrà essere abbandonata, perché si incontrano racconti che presentano le caratteristiche delle fiabe anche presso popolazioni che non hanno avuto mai contatti con la cultura indiana. Per lungo tempo le fiabe popolari furono tramandate solo oralmente; solo in seguito alcuni studiosi e scrittori le raccolsero dalla viva voce del popolo e le trascrissero, cercando di conservare le caratteristiche del "linguaggio parlato". 30 marzo-5 aprile 1989 . Inoltre, spesso le fiabe vengono ambientate nel medioevo (ma non solo), epoca storica nella quale predominava la monarchia, mettendo in risalto la romanticità di essere un personaggio di stirpe reale (principe o principessa) e trascurando, invece, l'aspetto della condizione economica del popolo. In questo articolo, vi proponiamo sette Film sul Medioevo, imperdibili per chi è appassionato di Storia, sette opere che ci regalano diversi punti di vista su questa epoca così affascinante e che sicuramente ci faranno amare ancora questa epoca storica. Esse hanno un'origine popolare: descrivono la vita della povera gente, le sue credenze, le sue paure, il suo modo di immaginarsi i re e i potenti e venivano raccontate da contadini, pescatori, pastori e montanari attorno al focolare, nelle aie o nelle stalle; non erano considerate, come ora, solamente racconti per bambini, ma rappresentavano un divertimento anche per gli adulti ed avevano grande importanza per la vita della città. Nel periodo prebellico la tradizionale ricerca sulle fiabe si rivolgeva principalmente al contenuto ed esclusivamente di quelle fiabe che si ritenevano molto antiche; tuttavia, dopo la prima guerra mondiale, all'interesse per il narratore si unisce l'interesse per gli ascoltatori e, di conseguenza, l'interesse per il contesto sociale in cui si colloca la narrazione. In effetti gli eroi delle fiabe spesso sono giovani che devono trovare la loro strada nel mondo, combattendo contro l'orco e il loro iniziale fallimento è interpretato in molti casi come l'incapacità di emanciparsi dall'influenza dei genitori che non l'aiutano in questo processo di formazione. Altro elemento che nella favola non c'è mentre nella fiaba sì è l'oggetto magico che può essere un tappeto, un cilindro, una bacchetta, una rana, una spada e così via... Altro elemento conclusivo che nelle favole non c'è e nelle fiabe invece sì è il lieto fine. Uno dei più grandi studiosi della fiaba del ‘900 fu lo studioso russo Vladimir Propp che negli anni '30 del 900 nella sua opera La morfologia della fiaba, ha esaminato molte fiabe tradizionali e ha osservato che in ogni fiaba si possono riscontrare degli elementi costanti, che si ripetono da una fiaba all'altra come delle situazioni e dei personaggi ben definiti e in contrasto tra di loro. Una situazione iniziale (esordio) che consiste nella presentazione dei personaggi e della situazione di partenza. Grande teorico della fiaba fu J. R. R. Tolkien, che nel suo saggio Sulle Fiabe, contenuto nella raccolta Albero e foglia, analizza il genere studiandone origini, significato e funzione, e facendo un'attenta analisi di molti racconti di ogni tempo che possono essere considerati, più o meno, appartenenti al genere della "fiaba". Così come sono diversi gli esseri fantastici o soprannaturali. Errol Le Cain. Se questo processo non si sviluppa in modo armonico, ha luogo una reazione dell'inconscio che si esprime nei sogni, nelle fantasie e nelle fiabe, che mostrano appunto profonde affinità presso i popoli di tutto il mondo. Jung interpreta anche i personaggi come figure archetipe. Il metodo storico-geografico ha avuto grande importanza nell'evoluzione della ricerca sulla fiaba e ne è nato, nel 1910, il Catalogo delle fiabe di Aarne, nel quale ad ogni fiaba è attribuito un numero. 811 I bosco nel Medioevo dei rovi in mezzo ai campi>> (p. 128) e dunque una minore incisivit'a della presenza umana sull'ambiente. In questa ottica, le fiabe sono i resti dell'antica cultura unitaria del popolo e costituiscono una fonte preziosa per la ricostruzione di quella cultura più antica. Allo stesso Aarne si deve anche un altro metodo di classificazione molto noto; il metodo si basa su un "indice dei tipi" e fu rivisto ed esteso da Stith Thompson, per cui viene chiamato metodo di Aarne-Thompson. Un altro filone interpretativo di fiabe e miti è quello in chiave alchemico-ermetica, di cui uno dei fondatori potrebbe essere considerato il benedettino Dom Antoine-Joseph Pernety (1716-1796), autore de Le favole egizie e greche e di un Dizionario mito-ermetico; anche se la tendenza ad interpretare le leggende popolari e letterarie del passato come trasposizioni simboliche di un iter iniziatico legato alla "Grande Opera dell'Alchimia" è diffusa presso numerosi autori di questa antica disciplina esoterica. Nei racconti fantastici, nelle storie di fantascienza, fantasy e horror e in altri generi di narrativa, dove s'incontrano esseri incredibili e accadono fatti straordinari come nelle fiabe, ma è soprattutto nella narrativa per ragazzi ad essere evidente l'eredità della fiaba. TOMO SECONDO . Nei pressi di Marburg, Christenberg, sono ambientate le famose fiabe di Hansel e Gretel e quella di Madama Holle. De la peur à la passion. Basta cliccare, Se in questo blog, trovate immagini o testi di vostra proprietà segnalatemelo, e li rimuoverò.. Tema Semplice. Le fiabe raccontano alcuni aspetti del reale, con una veste di storiella puerile e con un infallibile lieto fine: il "Pollicino" abbandonato nei boschi, la "Cenerentola" segregata dalla matrigna e schiavizzata, la "Biancaneve" che scappa e si rifugia nel bosco possono essere visti come esempi della quotidianità del XIX e XX secolo. Mentre in un primo momento essi partono dall'idea che le fiabe siano tutte di origine tedesca, nel 1819, nella seconda ristampa della loro opera, essi introducono il concetto che esista un passato indoeuropeo per spiegarne le affinità. Possono contenere indicazioni precise sia di tempo che di luogo. L’ambiente educativo di apprendimento. Abecedario e frusta. Fra le più conosciute trascrizioni di fiabe ci sono quelle di ambiente arabo, raccolte nel Settecento, in Le mille e una notte, la raccolta delle fiabe popolari nel Pentamerone di Giambattista Basile, I racconti di Mamma Oca di Charles Perrault, le fiabe tedesche riscritte dai fratelli Jakob e Wilhelm Grimm nell'Ottocento, le fiabe e i racconti popolari siciliani raccolti da Giuseppe Pitrè alla fine del XIX secolo, le Sessanta Novelle Popolari Montalesi di Gherardo Nerucci e le Fiabe italiane, tradotte in italiano da trascrizioni dialettali già esistenti, da Italo Calvino nel 1956. Molte favole medievali si richiamavano nel titolo a Esopo, le cui composizioni in realtà in epoca medievale non erano più conosciute: l'autore della maggior parte delle "favole esopiche" nel Medioevo era invece Fedro; ma del grande favolista latino in epoca medievale era stato dimenticato invece il nome, che tornerà alla luce solo alla fine del XVI … Inoltre, diversi autori hanno raccolto fiabe tradizionali o creato nuove fiabe riprendendo creativamente gli stilemi delle fiabe tradizionali. Nella fiaba e nella favola il tempo è indefinito mentre il luogo nelle fiabe è quasi sempre una casa stregata, un castello, un bosco incantato, mentre nelle favole sono luoghi naturali come, ad esempio, campi, vigneti, boschi, foreste e così via… È diffusa l'opinione per cui le fiabe siano tradizionalmente pensate per intrattenere i bambini, ma non è del tutto corretto: esse venivano narrate anche mentre si svolgevano lavori comuni, per esempio filatura, lavori fatti di gesti sapienti, ma in qualche modo automatici, che non impegnavano particolarmente la mente. Per molto tempo le fiabe furono esclusivamente patrimonio del popolo e tramandate oralmente, ma in seguito questo tipo di racconto si diffuse in ambienti diversi, per esempio tra i nobili, nelle corti. La fiaba è una narrazione originaria della tradizione popolare, caratterizzata da racconti medio-brevi e centrati su avvenimenti e personaggi fantastici (fate, orchi, giganti e così via) coinvolti in storie con a volte un sottinteso intento formativo o di crescita morale. Egli porta due esempi di sogni collegati alle fiabe: La teoria psicoanalitica ha indotto moltissimi studiosi a vedere nella fiaba la risoluzione catartica dei problemi del bambino in crescita. Come nella pubblicità, la ripetizione e la ridondanza permettono una migliore penetrazione dei contenuti e una più persistente memorizzazione, ma, prima di questo, corrispondono ad un'esigenza propria della didattica infantile. Ancora oggi, nelle opere degli scrittori moderni, possiamo riconoscere l'eredità della fiaba. In primo luogo il tempo della fiaba è astorico, cioè non si può posizionare in un periodo storico preciso. Un itinerario storico e culturale, Morfologia della fiaba - Le radici storiche dei racconti di magia, When Dreams Came True: Classical Fairy Tales and Their Tradition, fratelli Jacob (1785-1863) e Wilhelm (1786-1859) Grimm, uccidere il padre per prenderne il posto accanto alla madre, La terapia junghiana; spiegazione degli archetipi, Classificazione fiabe secondo indice Aarne-Thompson, Informazioni e schede sui saggi dell'autrice ne "Il Giardino dei Libri", https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Fiaba&oldid=117739474, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, Voci con modulo citazione e parametro pagine, Collegamento interprogetto a Wikisource presente ma assente su Wikidata, P3365 multipla letta da Wikidata senza qualificatore, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Indeterminatezza: personaggi, epoca e luoghi sono quasi sempre indefiniti (e remoti), quasi mai nominati (fanno eccezione quelle fiabe in cui si parla di luoghi reali come, Inverosimiglianza: i fatti che si presentano nel racconto sono spesso fatti impossibili e i personaggi inverosimili o inesistenti nella realtà quotidiana (molti fatti narrati possono accadere solo per, Reiterazione e ripetizione: i motivi sono sempre ricorrenti (gli elementi e gli episodi sono spesso presenti anche in altre fiabe). Nel 1859 l'indianista Theodor Benfey (1809-1881) propone la teoria che le fiabe siano nate in India, non come miti, ma come racconti didascalici buddhisti, e che siano giunte in Europa principalmente attraverso vie letterarie, come Le mille e una notte. Il libro sulle radici storiche doveva essere in origine il capitolo conclusivo del saggio sulla morfologia della fiaba: dopo averne studiato la forma, il folklorista ne indagava le origini, la genesi con l'ausilio delle ricerche etnografiche del tempo. Nella fantasia di chi tramandava i racconti i giovani, sottoposti al rito, sono diventati i protagonisti delle fiabe, gli stregoni sono diventati i personaggi che fanno paura come gli orchi, le streghe, i mostri, i lupi e le armi, che ricevevano i ragazzi, sono diventate i doni magici che i protagonisti delle fiabe ricevono dagli aiutanti che incontrano. Al termine della storia verifichiamo la comprensione chiedendo:… Post by: fantavolando in Speciale genitori Estate e festa di fine anno Fiabe e favole Nido e sezioni primavera Nel periodo estivo proponiamo ai bambini la storia Martino va al mare. Nell'ultima parte, ovvero la conclusione, la vicenda si avvia verso il lieto fine. ... La descrizione di alcuni personaggi e dell?? Viene solitamente utilizzato il discorso diretto perché le battute del dialogo permettevano al narratore di cambiare la voce e di tener viva l'attenzione di chi ascoltava. Rappresentano una metafora della vita, la raffigurazione di concetti astratti presenti nel quotidiano, come il bene, il male, il bisogno, la sfortuna, la morte. Secondo le teorie di quell'epoca, i fratelli Grimm partono dall'idea che ogni popolo ha una sua anima che si esprime con la massima purezza nella lingua e nella poesia, nelle canzoni e nei racconti. Il noto psicoanalista austriaco Bruno Bettelheim (morto nel 1990, autore del libro: Il mondo incantato[5]), analizza il significato psicologico della fiaba e l'aiuto che può offrire nel delicato periodo della crescita dell'individuo. Nel 1812 e nel 1815 pubblicarono due volumi dei Kinder- und Hausmärchen, per un totale di 156 fiabe che formano il punto di partenza dello studio dei racconti o fiabe popolari. Attraverso le fiabe si possono ricavare moltissime informazioni, utili per conoscere la vita dei popoli nel passato e molto spesso anche nel presente. Le renversement d’une image”, Centre Alpin et Rhodanien d’Ethnologie, Grenoble 2002 (=”Le monde alpine et rhodanien”, XXX, 2002), pp. Pertanto, l'inconscio può esprimersi nell'immagine archetipa del grande bosco o del mare che l'eroe o l'eroina della fiaba devono attraversare. Via degli Artigiani, 29 20832 Desio (MB) Lun - Ven 8.30 - 12.30 | 14.00 - 18.00 Altrettanto importante è Marie-Louise Von Franz, allieva di C. G. Jung, la quale ha dedicato numerosi suoi scritti sull'argomento fiabesco (Le fiabe interpretate, Il femminile nella fiaba, L'ombra e il male nella fiaba). Ci sono poi i personaggi, nelle fiabe il protagonista è sempre il personaggio principale della storia che ha un compito da svolgere, una difficoltà, un problema da risolvere mentre nelle favole sono quasi sempre animali che però sono umanizzati. XXXVII . A volte manca addirittura il lieto fine ed in genere il linguaggio è più scorrevole e corretto. Sulla base del metodo storico-geografico sono sorti nel corso del tempo decine di cataloghi regionali o nazionali. Visualizza altre idee su Medioevo, Medievale, Manoscritto miniato. +39 0362 621011 info@latisnc.it. Quest’ultimo rappresenta da sempre, sia nelle fiabe che nei miti e nei sogni, un luogo inconscio popolato dalle nostre più intime pulsioni e paure. Anche la fiaba di Biancaneve ben si adatta al medioevo, contenendo tutti i ''topoi'' più adatti ai secoli bui: il guardiacaccia incaricato di ucciderla, il castello della regina cudele, lo smarrirsi nel bosco, la capanna nascosta, la strega. Rinnovate ai conti di Acerra e di Caserta le nostre profferte passate. Questa loro morte temporanea veniva di solito provocata con sostanze stupefacenti e al risveglio i giovani venivano considerati adulti. Fa parte del GISEM (Gruppo Interuniversitario per la Storia dell'Europa Mediterranea), della Società Storica Pisana ed è redattrice di Reti Medievali. Marburg è oggi famosa per la sua prestigiosa università, fondata nel 1527. Erano per lo più lavori femminili, ed è anche per questo che la maggior parte dei narratori è femminile; oltre al fatto che alle donne era attribuito il compito di cura e intrattenimento dei bambini. Uomo e ambiente nel Medioevo Einaudi, 1997: ORTALLI G. Entre Antiquité e Moyen Âge: l'”invention” du loup ennemi in “Le Fait du Loup. Questa teoria implica che le fiabe e i motivi fiabeschi possano aver avuto origini dovunque, indipendentemente l'uno dall'altro. Essi venivano sottoposti a numerose prove con le quali dovevano dimostrare di saper affrontare da soli le avversità dell'ambiente e di essere pertanto maturi per iniziare a far parte della comunità degli adulti.